Bolzano, Alto Adige sia ammesso a Fifa

Il Sudtirolo avrà una propria nazionale di calcio tutta altoatesina

E, da un po' di tempo, sognano anche di diventare una Nazionale di calcio. Per la cronaca la mozione è passata con 22 voti a favore e 7 contrari.

L'obiettivo del consiglio è quello di riuscire a partecipare con una propria nazionale alle qualificazioni sia degli Europei e dei Mondiali.

Il periodo storico che stiamo vivendo, certamente complicato dagli effetti negativi che la crisi economica mondiale ha avuto nella vita di milioni di persone sparse per l'Europa, ha prodotto in questi anni pericolose derive nazionaliste, venti di tempesta spinti dal proliferare di pariti ispirati a idee che sembravano state sepolte sotto le macerie lasciate dalla seconda guerra mondiale. "Una mossa contraria ai valori dello sport". Come ha detto il consigliere Bernhard Zimmerhofer, "ad esempio il Comitato olimpico internazionale ha istituito la categoria degli atleti olimpici indipendenti".

Come procedere ora? Il Sudtirol dovrà contattare gli altri stati non nazionali (Gibilterra e Far Oer, tra gli altri) per ottenere i consigli preziosi, oltre che le delucidazioni del caso, in vista della comunicazione della proposta alla Uefa e alla Fifa. Il Sudtirol fa sul serio: chissà che un giorno non ce lo ritroveremo contro ai quarti di finale di una competizione internazionale.

Il tema dell'indipendenza nello sport in Alto Adige viene puntualmente proposto quando ci sono eventi di rilievo internazionale, in particolare Olimpiadi invernali ed estive. Tra i migliori prodotti del calcio altoatesino ricordiamo il centrocampista Simon Laner, attualmente al Chiasso nella serie B svizzera ma di proprietà del Verona e con un passato in serie A con la maglia del Cagliari, e l'attaccante Manuel Fischnaller, attualmente in Lega Pro con l'Alessandria e con alle spalle due stagioni in serie B con la Reggina.

Correlati:

Commenti


Altre notizie