Bangladesh: la polizia ha salvato 18 ostaggi

Chiudi

 	Apri

Blitz delle forze speciali bengalese nel ristorante di Dacca assaltato ieri sera da un commando composto da otto o nove uomini.Venti ostaggi sono stati uccisi dai terroristi, ha reso noto il direttore delle operazioni militari dell'Esercito, il generale Nayeem Ashfaq Chowdhury, confermando che tra i 13 ostaggi liberati ci sono un giapponese e due cittadini dello Sri Lanka.

Per la CNN sono entrati in azione oltre 100 teste di cuoio. Una volta riportata la calma è emersa la tragedia con il conteggio del numero delle vittime innocenti, sono risultati 20 gli ostaggi uccisi nell'assalto jihadista.

I due friulani erano a cena nel locale teatro dell'assalto dei terroristi con altri amici. Non appena hanno ripreso possesso del bar, quello che hanno trovato le teste di cuoio assomigliava ad un vero e proprio mattatoio: sono almeno 26 gli stranieri sgozzati con il machete, molti dei quali italiani e giapponesi, mentre i feriti sarebbero 40. Amaq, l'agenzia stampa dello Stato Islamico, ha detto che l'attacco è stato compiuto da un gruppo di miliziani dello Stato Islamico e che 20 persone sono rimaste uccise, ma queste informazioni non sono ancora state confermate. Site pubblica alcune di queste foto. Le vittime sono tutte straniere.

Un italiano: "Nel ristorante una decina di connazionali" - Al momento dell'attacco dei terroristi, dentro all'Holey Artisan Bakery di Dacca si trovava una decina di italiani. Gianni Boschetti, undicesimo italiano presente nel locale, è riuscito a fuggire e mettersi in salvo. Boschetti, grossista di abbigliamento, non ha più saputo nulla della moglie e degli altri. In particolare la Holey Artisan Bakery si trova sulla Road 79, a 200 metri di distanza dall'ambasciata d'Italia.

Risparmiato chi conosceva versi del Corano - Gli ostaggi che erano in grado di citare versi del Corano sono stati risparmiati, gli altri sono stati torturati: è quanto ha raccontato un ostaggio salvato nel corso del blitz. Lo ha indicato al quotidiano Dhaka Tribune un alto ufficiale della polizia del Bangladesh.

Correlati:

Commenti


Altre notizie