Balotelli: "Il Milan ha deciso di lasciarmi. Gli Europei? Non li meritavo"

Mario Balotelli

E se pensiamo che solamente due anni fa 'Balo' fu preso dal Liverpool per 25 milioni di euro, proprio dal Milan, resta il rammarico per la carriera in discesa di un giocatore che prometteva tantissimo, ma che non ha mai rispettato le attese. Obiettivi? Il "Balo" punta in alto: "In una scala da 0 a 10, io mi sono fermato a 5, ma piano piano al 10 ci arriverò. Fossi stato in lui, avrei fatto esattamente la stessa cosa", ha detto al Corriere della Sera. Gli imputo solo una cosa: "non mi ha fatto giocare la finale di Champions, se entravo, segnavo di sicuro, me lo sentivo". Alla gente che mi ferma dicendomi che Conte avrebbe dovuto convocarmi, io rispondo: il vero Balotelli lo convocherebbe Conte, Ventura, qualsiasi allenatore. Diventerò Pallone d'oro. Anche se mi rendo conto di aver fatto due anni della mia carriera dove potevo avvicinarmi al 10 e invece sono rimasto a 5. Tutti si chiedono dove giocherà la prossima stagione: " Spero nel Liverpool - risponde l'attaccante - Il Milan ha deciso di lasciarmi. L'ex nerazzurro, di ritorno al Liverpool dopo l'ennesimo fallimento al Milan, non ha mancato di rilasciare dichiarazioni che faranno certamente discutere i tifosi dell'Inter.

Mario Balotelli, quattro anni fa agli Europei di Polonia e Ucraina ci mandò in finale, battendo la Germania con una doppietta. "Non avevo in testa di migliorare". Fino a due anni fa - racconta l'attaccante - mi accontentavo di quello che avevo.

"Forse - ha aggiunto - ho pagato i 23 anni precedenti". Al di là dei recenti problemi fisici, Mario col tempo si è guadagnato la fama di giocatore estroso, ma incompiuto dal punto di vista umano e caratteriale, e con poca voglia di essere umile e migliorarsi. Però sono molto tranquillo. "Sono consapevole che negli ultimi due anni sono cambiato da cosi' a cosi'". "Si e' creato questo personaggio, non mi e' permesso di fare niente in piu' e in meno". Non sono ipocrita: ci resto male quando finisco sui giornali se combino qualcosa, ma non mi piace nemmeno quando si esagera in positivo. A Mourinho piaceva provocarmi, faceva il cinema ma mi voleva bene. "Se segno 2 gol sono un fenomeno, invece vorrei essere solo Balotelli calciatore come gli altri, magari più bravo".

Correlati:

Commenti


Altre notizie