Attentato Dacca, chi sono gli italiani morti FOTO

Blitz-Dacca

Sono almeno venti i civili uccisi nell'assalto jihadista al caffè di Dacca, in Bangladesh, liberato stamattina all'alba da un blitz delle forze speciali.

Terroristi giovanissimi che avrebbero sgozzato le vittime con "lame affilate" risparmiando solo coloro che sapevano recitare i versi del Corano.

Giulia Benedetti non ha nascosto la propria rabbia per gli autori dell'attentato: "Un branco di bestie ce l'ha portata via", esprimendo poi la vicinanza sua e della propria famiglia ai famigliari di tutte le vittime e ai sopravvissuti alla tragedia: "Ci mancherai zia, ci mancherete tutti".

Uno dei morti è un imprenditore residente a Feletto Umberto, Cristian Rossi, 47 anni, sposato e padre di due gemelline di appena 3 anni. "Abbiamo ucciso sei terroristi", ha affermato Tuhin Mohhammad Masud, comandante delle unità di elite di intervento rapido, mentre uno sarebbe stato catturato.

Attentato a Dacca: una mattanza. All'emittente Times Now, il colonnello Tuhin Mohammad Masud, capo delle forze speciali, ha detto che tra gli ostaggi tratti in salvo figurano due cingalesi. La moglie ha raccontato al sindaco che i funerali di Vincenzo si svolgeranno a Piedimonte Matese (Caserta), città dove entrambi sono nati e dove si trovano tutti i loro cari. Tra gli 11 vi era pure Gianni Boschetti, l'uomo riuscito a fuggire e a mettersi in salvo. Che hanno scelto, anche stavolta, un quartiere diplomatico. Purtroppo con il passare delle ore le notizie sul terribile assalto al ristorante nel centro di Dacca, capitale del Bangladesh, si sono fatte più drammatiche.

Dopo aver cercato di trattare con i terroristi 100 teste di cuoio sono entrate nel locale durante la notte tra venerdì e sabato per liberare gli ostaggi. "I nostri valori sono più forti dell'odio e del terrore", è stato il messaggio del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. "Il bilancio è il più tragico che si potesse temere, e al dolore per la strage si aggiunge l'orrore per i modi particolarmente efferati con i quali i terroristi islamisti hanno dato la morte agli ostaggi". Esprimo profondo cordoglio alle famiglie delle vittime friulane e piangiamo con loro per la tragica perdita di questi nostri friulani. La donna, 54enne, stando alle testimonianze dei superstiti, era all'interno del ristorante "Holey Artisan Bakery" al momento dell'attacco, e di lei familiari e amici non avevano più notizie da due giorni. "Siamo davanti ad un attacco pianificato e organizzato ben diverso da quelli avvenuti in passato che sembravano, per modalità, condotti da piccoli gruppi di estremisti poco organizzati - spiega la fonte del Pime - la sensazione è che questa strage sia avvenuta anche con un concorso esterno". Il nome del gruppo locale, affiliato a Daesh, che ha assunto la paternità dell'attacco si chiama Ansar al Islam. "Non bisogna pensare che gli assassini si stiano muovendo perche noi combattiamo Daesh, è esattamente il contrario".

Correlati:

Commenti


Altre notizie