Irregolarità nelle mense scolastiche, Lorenzin annuncia task force

Muffe in cucina e falso bio blitz Nas in mense scolastiche 1 su 4 è'fuorilegge

Tra le irregolarità a preoccupare maggiormente non sono quelle di carattere amministrativo bensì la carenza di igiene e l'utilizzo di cibi in cattivo stato di conservazione. E poi mense con incrostazioni, muffe, piani di lavoro sudici e strutture in cui non era rispettato il divieto di fumo.

I risultati del monitoraggio, effettuato tra novembre e dicembre 2015 e da febbraio a maggio scorso, sono stati resi noti ieri dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin e dal comandante dei Nas, generale Claudio Vincelli. Sono invece 764 le violazioni amministrative e 487 i soggetti segnalati alle autorità amministrative.

A settembre Cittadinanzattiva presenterà un rapporto a tutto tondo sullo stato di "salute" di un campione di mense scolastiche di tutta Italia attraverso la viva voce degli utenti (bambini, docenti, insegnanti e rappresentati della commissione mensa) in relazione alle caratteristiche dei locali, alla qualità del cibo, alle loro caratteristiche organolettiche, al loro gradimento, ed altro ancora. Il monitoraggio continuerà, anche 'a sorpresa', essendo un'attività fondamentale per garantire la sicurezza e la corretta alimentazione dei nostri bambini e ragazzi. Entrando più nei dettagli, nel Nord Italia i Nas hanno eseguito 721 controlli, con 157 strutture non conformi (21%) e una chiusura (0,2%); al Centro i controlli sono stati 1.041, con 285 mense 'fuorilegge' (27%) e 19 chiuse (2%).

Sono ben 37 le mense scolastiche chiuse nell'arco di un anno dai Carabinieri dei Nas a causa della scarsa igiene e della presenza di alimenti nocivi o conservati male. Sono state comminate sanzioni per circa 491 mila euro. Infine, al Sud su 916 controlli 228 strutture sono risultati non conformi (25%) e 17 sono state chiuse (2%).

Per quanto riguarda le violazioni penali i reati contestati maggiormente sono stati: "frode nelle pubbliche forniture (art. 356 c.p.), il commercio di alimenti nocivi".

L'83% delle famiglie - si legge ancora nella ricerca Coldiretti/Ixe' - ritiene che le mense dovrebbero offrire i cibi più sani per educare le nuove generazioni dal punto di vista alimentare mentre solo il 13% ritiene che dovrebbero essere serviti i piatti che piacciono di più. "C'è intenzione da parte dei Nas - ha sottolineato - di fare un'operazione nazionale a tappeto come quella fatta grazie ad una task force sugli anziani e sui disabili".

Correlati:

Commenti


Altre notizie