Cessione Milan, Repubblica: "Berlusconi Cede L'80%"

Vincenzo Montella nuovo allenatore del Milan

Silvio Berlusconi non era affatto rassegnato a perdere Cristian Brocchi, nonostante la lettera con la quale l'allenatore aveva in pratica chiuso la sua avventura nel Milan. Ora, con la clausola ribassata tantissimo, questa operazione andrà più facilmente in orto. Arrivati a questo punto Cristian Brocchi è out, visto che lui stesso si è chiamato fuori dalla corsa dopo aver capito che non c'era fiducia in lui al 100%. Tra giovedì e venerdì si sono incontrati Montella, Galliani e Gancikoff: si è parlato di tattica e di quello che sarà il suo Milan.

Con l'acquisto di Lapadula, ha preso ufficialmente il via il mercato di un Milan che sembrava sonnecchiare ma a quanto pare non è così, un Milan che si diceva dovesse risolvere i problemi relativi alla cessione societaria ma no, non è vero, in fondo stava lavorando parallelamente alle cose; da un lato, a cedere il club pensando alle condizioni di salute di Berlusconi, dall'altra a rinforzare una squadra che l'anno prossimo dovrà cambiare marcia, dopo un quinquennio fatto di sole insoddisfazioni.

La società rossonera, debiti compresi (per un importo di 240 milioni), è stata valutata attorno ai 750 milioni di euro. L'80% delle quote del club rossonero è stato ceduto da Berlusconi alla cordata cinese composta da Robin Li ed Evergrande. Berlusconi continuerà a ricoprire la carica di presidente fino al 2019, quando i cinesi avranno la possibilità di rilevare anche il restante 20 %.

Correlati:

Commenti


Altre notizie