Cosa sappiamo del batterio che resiste a tutti gli antibiotici

Anche in Italia i batteri “invincibili”

L'infezione rilevata nella donna, in Pennsylvania, rientra tra quelle che già avevano destato preoccupazione nei medici per la loro virulenza e perché già presenti in Europa in sporadici casi.

A lanciare l'allarme, in particolare, è stato il Dipartimento della Difesa e contestualmente le autorità sanitarie a stelle e strisce si sono mobilitate per contattare e visitare parenti ed amici della donna al fine di evitare che possa registrarsi una diffusione dell'agente patogeno. Il batterio killer potrebbe essere parte dei cosiddetti "batteri resistenti" o "batteri da incubo" - come li definiscono i microbiologi - in quanto immuni alle terapie antibiotiche e capaci di arrivare ad uccidere oltre il 50% dei contagiati.

A novembre del 2015, batteri resistenti alla colistina erano stati isolati nei maiali (spesso purtroppo trattati con questa sostanza), nella carne cruda di maiale e in un piccolo numero di persone in Cina.

27 MAG - (Reuters Health) -"Rischiamo di essere nell'era post-antibiotici", ha dichiarato Thomas Frieden, direttore dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) americani riferendosi all'infezione a livello delle vie urinarie che ha colpito una quarantanovenne della Pennsylvania, che ha dichiarato di non aver viaggiato nei cinque mesi precedenti la diagnosi. Secondo gli esperti dell'Istituto superiore di sanità, anche in Italia ci sono "superbatteri" resistenti a tutti gli antibiotici, ma diversi da quello Usa.

Roma - E' un "super batterio", resistente a tutte le classi di antibiotici finora a disposizione. Si tratta di un batterio di un tipo molto comune, l'Escherichia coli (è un batterio che viene prodotto insieme alle feci), solitamente innocuo, ma che può provocare mal di stomaco ed altri problemi similari; e nei casi peggiori, può portare a gravi dissenterie che possono portare alla morte. I ricercatori: "Niente panico - è curabile": Il Dipartimento della Difesa americano ha lanciato un allarme a causa di un batterio resistente agli antibiotici che ha contagiato una donna in Pennsylvania. "L'altra cosa da fare è limitare l'uso di quelli esistenti, anche se non sempre è possibile".

Correlati:

Commenti


Altre notizie