A Reggio Calabria il progetto "SalviAmo il Respiro della Terra"

Pontedera Roma Salviamo Respiro Della Terra

Tra i comuni coinvolti anche: Altamura, Bari, Modugno, San Pancrazio Salentino, Canosa di Puglia, Apricena, Cagnano Varano, Carpino, Foggia, Ischitella, Lesina, Peschici, Poggio Imperiale, Rodi Garganico, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, San Severo, Sannicandro Garganico, Troia, Vico del Gargano, Vieste, Porto Cesareo, Massafra e Taranto.

Anter è un'associazione no-profit di cittadini, l'unica nel settore delle energie rinnovabili ad essere dalla parte della domanda e non dell'offerta, spiega l'ambasciatore Giulio Mauro: "Il nostro obiettivo è quello di aiutare l'Italia a sviluppare il potenziale delle energie rinnovabili e della mobilità sostenibile".

"Il sondaggio - ha aggiunto Rainone - ci servirà a livello nazionale per confrontarci col Governo". A loro spieghiamo anche i due gradi in più della terra: con l'analogia della macchina con i finestrini chiusi. "L'obiettivo è di sensibilizzare la cittadinanza, far maturare la consapevolezza piena che il tempo è finito". Questo lo scopo della manifestazione "SalviAmo il respiro della Terra", organizzata a livello nazionale da Anter, associazione nazionale tutela energie rinnovabili, che si svolgerà anche a Pescara da giovedì 26 a domenica 29 maggio. L'utilizzo di energie prodotte da fonti altamente inquinanti è all'ordine del giorno in modo spesso inconsapevole da parte dei cittadini che potrebbero invece liberamente scegliere fonti energetiche rinnovabili.

L'invito a scendere in piazza è inoltre rivolto a tutti i cittadini attivi, che non vogliono rimanere spettatori inermi del tragico evolversi climatico che sta subendo il pianeta, ma rendere più consapevoli le istituzioni e tutta la popolazione, sulla data "del punto di non ritorno" che si sta avvicinando e che molti studi scientifici battezzano nell' ormai prossimo anno 2030. Si uniranno in una sola e comune voce tutte le mamme e i papà che pretendono di donare ai propri figli un futuro in un pianeta sano così come è stato permesso a loro di viverlo.

Per evitare la crisi climatica che ricadrà sulle giovani e future generazioni che, non responsabili, hanno il diritto di ricevere in eredità un mondo sano che non sia condannato a catastrofi ambientali, occorre un'azione immediata: scendiamo tutti in piazza per Salvare il respiro della Terra!

Correlati:

Commenti


Altre notizie