Sesso con una 13enne conosciuta su "Second Life": 64 in manette

Un computer

In questa dimensione fatta di finzione erano persino marito e moglie, ma nella realtà il primo era un uomo di sessantaquattro anni e la seconda, invece, una ragazzina di tredici.

Benché consenziente - ma su questo punto non c'è ancora chiarezza - per gli inquirenti si è trattata a tutti gli effetti di una violenza sessuale contro la minore, descritta con caratteristiche fisiche da vera e propria bambina: per questo motivo l'uomo è stato arrestato. Il sabato successivo, in assenza della compagna dell'uomo, tra i due si sarebbe consumato il rapporto sessuale. È accaduto a Milano: la ragazzina tredicenne ha conosciuto l'uomo sul web, per un arco di tempo i due hanno intrattenuto una frequentazione virtuale, fino a quando l'uomo le ha fatto visita in Italia. Finché hanno deciso di incontrarsi a Milano, dove il loro 'amore' fittizio è diventato reale. Anche i suoi genitori ne sono venuti a conoscenza tanto che la settimana scorsa hanno denunciato il 64enne. Ora, l'uomo dovrà rispondere dell'accusa di atti sessuali con minorenne. Dopo averla adescata su Internet, due anni prima attraverso la piattaforma Second Life, è giunto dal Portogallo con la moglie per incontrare la giovane con cui si era "sposato virtualmente".Il 14 maggio avrebbe abusato della piccola in un appartamento affittato dalla coppia in zona San Vittore.

Correlati:

Commenti


Altre notizie