Roland Garros: la pioggia dà una tregua

Roland Garros: la pioggia dà una tregua

Brutte notizie per Simone Bolelli, eliminato al primo turno dal giapponese Kei Nishikori nella prosecuzione del match iniziato ieri e poi sospeso per pioggia. Nel prossimo incontro se la vedrà con il giapponese Taro Daniel (93), che ha avuto la meglio su Martin Klizan (45) per ritiro dello slovacco sul punteggio di 3-6 4-6 7-5 6-4 3-0. Quest'ultimo si è reso protagonista di una stagione finora davvero molto esaltante: per lui un solo titolo, a Memphis, ma quarti a Melbourne, nel primo Slam dell'anno, finali a Miami e Barcelona, due semifinali consecutive nei due dei tre Masters 1000 su terra battuta, a Madrid e Roma, dove si è arreso in ambedue i casi solo a uno strepitoso Novak Djokovic; lo stesso non si può dire del nostro connazionale, che ha totalizzato due vittorie e ben sette sconfitte in stagione, complici i problemi fisici che hanno rappresentato una costante in tutta la sua carriera. Resta comunque una splendida prestazione dell'azzurro emergente. In chiave azzurra arriva subito la prima eliminazione: Marco Cecchinato è stato sconfittodall'australiano Kyrigios 7-6, 7-6, 6-4 in 2 ore e 25 minuti. La pioggia, assoluta protagonista della prima giornata di gare, continua a scendere fitta sul Philippe Chatrier, e il giudice di sedia Kader Nouni decide inevitabilmente di sospendere il match sul punteggio di 5-4 a favore della testa di serie numero 5 del seeding. Va da sè, però, che la maggiore qualità del tennis di Nishikori veniva premiata all'alba del tie-break, con il servizio strappato all'azzurro nel dodicesimo gioco che valeva il 7-5 con cui si chiudeva il primo set.

Simone Bolelli saluta il Roland Garros con l'onore delle armi: fin troppo proibitiva la sfida contro il numero 6 ATP Kei Nishikori anche se fosse stata giocata in condizioni normali.

Correlati:

Commenti


Altre notizie