Coppa Italia: trionfa ancora la Juventus, Milan ko ai supplementari

Massimiliano Allegri

Calcio: storica vittoria per la Juve, prima squadra italiana a centrare per la seconda volta consecutiva l'accoppiata scudetto-coppa.

La Juventus vince anche la finale di coppa Italia e centra l'accoppiata dopo la conquista dello scudetto. Nel Milan si rivede Niang dopo diversi mesi di assenza e lo schema tattico passa al 4-2-3-1, ma nonostante questo non ci sono occasioni da una parte e dall'altra e questa finale di coppa si trascina ai supplementari. La svolta arriva nel secondo supplementare, Allegri inserisce Morata al minuto 108 ed il canterano ci mette solo 2 minuti per girare in rete il cross di Cuadrado. E mi meraviglia che non abbia tenuto conto di aver incontrato la peggior Juve.

Il finale di gara è meno intenso, Allegri dà un segnale ai suoi inserendo Cuadrado per Lichtsteiner. Delusissimo anche Brocchi: "Fa male perdere così".

Formazioni ufficiali della finale di Coppa Italia Milan-Juventus.MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Kucka, Montolivo, Poli; Honda, Bacca, Bonaventura. All. Alla fine una disattenzione e una zampata di Morata. Il Milan non poteva fare di più. Nel primo tempo c'e' tanto Milan (superiore in tutto) e poca Juventus, malgrado Allegri cerchi di scuotere i bianconeri, che al 23' fanno arrivare al tiro De Sciglio (alto) e poi Bonaventura, con Neto costretto alla parata in due tempi. I bianconeri rientrano in campo con più decisione, ma al 60' il Milan si trova in un'azione di contropiede con quattro uomini in avanti, Kucka spreca tutto sbagliando l'assist. Ultimo brivido del match un destro da fuori di Mauri, con palla che sfiora il palo alla sinistra di Neto, poi può partire la festa della Juventus.

Così Massimiliano Allegri, allenatore dei bianconeri, a proposito del futuro dell'attaccante spagnolo che potrebbe lasciare i campioni d'Italia e tornare al Real Madrid. Milan fuori dalle Coppe Europee per il terzo anno consecutivo: non era mai successo nella storia del club rossonero. Si qualifica invece, per i preliminari, il Sassuolo, che ha chiuso al sesto posto il campionato. Nel secondo tempo il Milan prova di nuovo una partenza veemente, ma finalmente la Juventus riesce ad uscire dal guscio e va al tiro per la prima volta con Lemina e Pogba su punizione. "Faccio un applauso anche alla società e ai tifosi, i quali pure stasera sono stati straordinari".

Grande la delusione per Cristian Brocchi, a fine partita parole amare per una sconfitta immeritata: "Ho visto qualcosa di mio, voglia di vincere, ma non l'abbiamo buttata dentro".

Correlati:

Commenti


Altre notizie