Lecce-Foggia 2-3, analisi e pagelle: Iemmello e Sarno decisivi

Striscione della Curva Sud

Sono Lecce, Pisa, Pordenone e Foggia le superstiti del primo turno dei play-off di Lega Pro a giocarsi l'unico posto ancora disponibile per la serie B.

FOGGIA (4-2-3-1): Narciso; Gerbo, Loiacono, Coletti, Di Chiara; Vacca, Agnelli; Chiricò, Sarno, Maza; Iemmello. Il sacrificato dovrebbe essere Abdou Doumbia; Liviero avanza la sua posizione a centrocampo facendo il quarto a sinistra, con Legittimo e Alcibiade che agirebbero invece come terzini. Passano appena cinque minuti e i rossoneri trovano anche il raddoppio sempre con Iemmello grazie ad un tapin vincente. La squadra di De Zerbi prova a chiudere la partita e così il tecnico dei leccesi sostituisce Liviero con Caturano. Pochi minuti dopo, però, la squadra di De Zerbi cala il tris con Sarno, al termine di uno splendido scambio con Iemmello.

Il primo tempo si apre come peggio non potrebbe per il Lecce, che subisce il vantaggio del Foggia nella prima azione da rete del match.

Al 37' Moscardelli accorcia le distanze: Lecce-Foggia 1-2.

Squillo del Lecce ad inizio ripresa. Sul dischetto va Lepore che spiazza Narciso e sigla il 2-3. Al 33′ clamorosa occasione per il Lecce: prima Narciso è pronto nel respingere il destro potente di Doumbia e, sulla ribattuta, Caturano spara incredibilmente alto.

Una sfida sentitissima da entrambe le tifoserie, che sperano di veder uscire vittoriosi i propri beniamini dal doppio scontro; certo è che uscire vittoriosi dal campo quest'oggi significherebbe fare un bel passo verso la finale, con la possibilità di gestire al meglio la sfida di ritorno in quel di Foggia. In difficoltà la retroguardia di Braglia contro i talentuosi Sarno, Chiricò e Riverola. Al 26′ ci prova Lepore con un colpo di tacco al volo su cross di Doumbia che sorvola la traversa di poco. Sarebbe stato un gol da applausso. Per il resto la formazione è la stessa che ha battuto il Bassano una settimana fa: davanti al portiere Perucchini ci sarà la coppia centrale formata da Cosenza e Abruzzese, mentre in mediana a creare gioco e interdire saranno Salvi e Papini (quest'ultimo importante anche per gli inserimenti senza palla).

Correlati:

Commenti


Altre notizie