Olimpiadi in Brasile, clamoroso Rivaldo: "Non venite. Qui uccidono le ragazze"

Favelas a Rio de Janeiro

Arrivano dichiarazioni molto preoccupanti in vista delle Olimpiadi di Rio 2016 da parte di uno dei calciatori più rappresentativi del calcio brasiliano, ritiratosi qualche anno fa, grande protagonista in Europa e in Italia con la maglia del Barcellona.

Nonostante la situazione negli ultimi quindici anni sia leggermente migliorata (con una diminuzione del 3% degli omicidi rispetto alla fine degli anni '90) nel 2014 vi è stato un picco record che ha contato circa 58.000 omicidi in un solo anno con una media assolutamente fuori dal comune di ben 160 morti al giorno. E la criminalità è un altro problema gravissimo.

Rivaldo ha lanciato un allarme sui social networks: "Questa mattina alcuni banditi hanno ucciso questa ragazza".

È il messaggio pesante che ha scatenato un polverone l'ex pallone d'oro e giocatore di Milan e Barcellona: "Io consiglio a tutti quelli che intendono visitare il Brasile o venire alle Olimpiadi di Rio, di restare nel proprio paese di origine". Qui siete in pericolo di vita. Per non parlare degli ospedali pubblici che non sono in grado di garantire un'assistenza adeguata e tutta questa confusione nella politica brasiliana non aiuta.

Correlati:

Commenti


Altre notizie