La nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio per i Carabinieri

Alfa Romeo Giulia

La pioggia cade incessante e bagna il circuito rendendolo realmente difficile da interpretare, per una vettura potentissima nata per sfoggiare prestazioni da paura quale l' Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, non è una delle migliori "situazioni", ma la giornata sarà ricca di sorprese.

"FCA ha semplificato la struttura del debito e guadagnato l'accesso alla liquidità della sua divisione americana". Sono esclusivi della versione Quadrifoglio la tecnologia Torque Vectoring, per un'ideale ripartizione della coppia tra le due ruote sull'asse posteriore, e l' AlfaTM Active Aero Splitter che gestisce in modo attivo la deportanza a velocità sostenute.

"Dipende dalla Giulia il rientro in F1 di Alfa..." Espressione del design distintamente italiano, la nuova Giulia è il modello che racchiude in sé gli oltre cento anni di eccellenza stilistica e tecnologica con cui il Biscione celebra i fasti della mitica antenata prodotta fino al 1977. A Giugno il cambio ZF a 8 rapporti sarà disponibile anche sulla Quadrifoglio Verde. Nella Giulia sono stati impiegati 250 kg di alluminio. L'allestimento di partenza della nuova Giulia prevede il Forward Collision Warning (FCW) con Autonomous Emergency Brake (AEB) e riconoscimento pedone, il sistema frenante Integrated Brake System (IBS), il Lane Departure Warning (LDW) e il cruise control. Quanto all'andamento del Gruppo in Europa, Marchionne ha parlato di "numeri incoraggianti che stanno crescendo" e si è detto sorpreso del successo della Tipo.

Quindi, tornando alla domanda del titolo: è valsa la pena apsettare tutto questo tempo? I clienti potranno ammirarla in uno speciale porte aperte organizzato per il 28 e 29 Maggio. Tra queste, anche la Giulietta SZ del 1960 (4 cilindri in linea, 1290 cc, 100 cv, 200 km/h), modello appartenente alla seconda serie e caratterizzato dalla coda tronca (o coda di Kamm), affidata per l'occasione a un equipaggio molto particolare, composto dal presidente di FCA John Elkann e dalla moglie Lavinia Borromeo. Quando verrà colmato il gap ed il listino implementato sia delle motorizzazioni a benzina mancanti sia magari anche di qualche declinazione ibrida, la Giulia potrebbe comunque trovarsi in una posizione di vantaggio rispetto alle rivali tedesche che invece presentano una gamma completa ed articolata. Lo ha detto l'amministratore delegato di Fca Sergio Marchionne a margine del test drive della Giulia a Balocco. E ancora: "Sono contento perché siamo partiti da zero e guardate dove siamo arrivati".

Correlati:

Commenti


Altre notizie