Milan, Berlusconi "convoca" a cena Cristian Brocchi: Mihajlovic verso l'esonero

Brocchi

Cristian Brocchi è il nuovo allenatore del Milan. "Al Signor Mihajlovic - si legge in una nota - vanno i piu' sentiti ringraziamenti per l'attivita' fin qui svolta con impegno e correttezza". E' stato quindi promosso dalla formazione della primavera il quarantenne Christian Brocchi, che già durante l'era Inzaghi era stato vicino alla panchina della prima squadra.

Non è riuscito a concludere la stagione Sinisa Mihajlovic, esonerato dal Milan a sei giornate dal termine del campionato e con una finale di Coppa Italia da giocare.

Una squadra, come quella di quest'anno, non pronta per affrontare compagini meglio attrezzate come Roma, Napoli e Juventus e sorpassate da squadre dello stesso livello come Inter e Fiorentina non può avere come obiettivo, imposto dalla dirigenza, di arrivare al terzo posto.

Il Milan ha fatto bene ad esonerare Mihajlovic?

Il rapporto con Sinisa Mihajlovic: "Sinisa è stato per me una grande sorpresa perchè quest'anno abbiamo avuto un bellissimo rapporto con rispetto reciproco". Ma, Berlusconi ci ha tenuto a chiarire che il motivo dell'esonero è dettato soprattutto dal gioco espresso dalla squadra, non all'altezza del nome Milan.

Parole forti rilasciate nella sua pagina ufficiale Facebook, che pesano come un macigno nei confronti di un allenatore che la tifoseria non avrebbe cacciato, visto che per loro non era certo lui il colpevole principale, ma bensì i calciatori. Ora per loro è tempo di fare le valigie, ma conoscendo Sinisa, non ci metterà molto a trovare un'altra città e un'altra squadra da allenare, è un tecnico molto corteggiato in Europa. Su quel trofeo provera' a mettere la firma il suo successore, Brocchi, 40 anni, ex centrocampista che ha giocato al Verona e all'Inter, prima di conquistare con il Milan, fra il 2001 e il 2005 scudetto, Champions League, Supercoppa italiana e Supercoppa europea.

Correlati:

Commenti


Altre notizie