Berlusconi: "Se vendo il Milan è per continuare una storia gloriosa"

Berlusconi vende il Milan ma solo in mani sicure

Secondo quanto riportato da Il Giornale, tra una settimana è in programma l'assemblea degli azionisti per approvare il bilancio del 2015. "Voglio vendere ma anche fare in modo che finisca in mani stabili e sicure".

Stavolta, probabilmente, il Milan è davvero vicino ad un momento che cambierà per sempre la sua storia.

Silvio Berlusconi si è deciso a vendere il Milan. "Se vendo quote del Milan - ha spiegato ai suoi interlocutori - è solo per far sì che continui la sua storia gloriosa". In questo caso, ci sarà un'altra prova di "generosità" di Fininvest e di Berlusconi: la perdita del club è infatti fissata in 89,3 milioni di euro, e quindi sarà indispensabile un versamento di 15o milioni, praticamente il triplo rispetto alla cifra versata nel 2014 (53 milioni). L'ultima soluzione è quella del consorzio cinese (e advisor americano: Galatioto, che alla Gazzetta aveva già quantificato i tempi in un paio di mesi), disposto a offrire sui 700 milioni per avere il comando: agli stessi interlocutori Berlusconi ha parlato di una partita apertissima. Andiamo a vedere le sue parole, riportate dal sito Milan News. Dopo l'affare sfumato con Mr.Bee, che non è riuscito a reperire i soldi necessari per acquistare una cospicua parte del club rossonero, ora il mirino del presidente Berlusconi si è spostato in Cina, dove sarebbe addirittura coinvolto anche il governo. Si resta in attesa, dunque, di quella che sarà la decisione definitiva di Silvio Berlusconi anche se tutto fa pensare che presto la società rossonera sarà orientale.

Correlati:

Commenti


Altre notizie