Fi: il 29 aprile arriva lista Bertolaso

Fi: il 29 aprile arriva lista Bertolaso

I fatti di Roma, sostiene, confermano il declino di Berlusconi e sono il segno della incapacità del centrodestra di rinnovarsi. Intervistato da Myrta Merlino, aveva detto poco prima di mezzogiorno: "Se percepissi dal presidente Berlusconi la voglia di staccare la spina, io non avrei problemi a fare altro e mi ritirerei".

Brunetta (Forza Italia): restiamo alla parola data Spiega Renato Brunetta al termine del vertice che "Meloni e Salvini sono nostri alleati".

Salvini ha poi rimarcato come "Berlusconi sia circondato solo da persone interessate alla poltrona".

Elezioni Roma. Dopo aver parlato di un Bertolaso ormai out e di un Berlusconi pronto a convergere su Giorgia Meloni, Salvini ha detto la sua sul Caso Spalletti-Totti.

Il comitato di presidenza di Forza Italia, riunitosi a Palazzo Grazioli, ha deciso di dare mandato a Silvio Berlusconi per decidere il candidato che Forza Italia appoggerà per la corsa al Campidoglio. L'unico timore è l'allontanamento degli elettori dalla politica: "Temo l'astensionismo, il qualunquismo, il fatto che nella confusione la gente, infastidita dalla politica, e non ha torto, dica preferisco non andare a votare". "Le beghe politiche ci hanno stufato e le lasciamo ad altri", ha aggiunto annunciando che la lista per le candidature alle amministrative di Roma "è sostanzialmente già pronta". Penso di poter vincere. "Ma potrò comunque vincere, in tutti i casi". Le forze di centrodestra convergono sulla Meloni, in quanto la ritengono più competitiva in vista dello scontro sia con Giachetti sia con la Raggi. "Ma non è così" e quindi "io non rinuncio, io rilancio" e "ho chiesto a Berlusconi di sparigliare la situazione, cambiare le carte", ha scritto su Twitter. Il 'tradimento' di Meloni e Salvini non riesce a mandarlo giù ed anche per questo non viene neppure scartata l'ipotesi di una convergenza su Alfio Marchini che potrebbe arrivare, se non al ballottaggio, a giocarsi il terzo posto con la Meloni. Tuttavia L'ex della Protezione Civile sembra più che fermo sulla sua posizione e in molti si domandano come si possa fare per accelerare il suo dietro front. E apre anche alla possibilità di trattare con Marchini. E il cavaliere non si era recato neppure ieri al Pincio all'apertura della campagna elettorale della Meloni. Mi occupo della parte tecnica.

Ce ne sarà bisogno se prevarrà l'irresponsabilità negli atteggiamenti.

Correlati:

Commenti


Altre notizie