Realtà virtuale, Apple al lavoro con un team segreto?

Realtà virtuale, Apple al lavoro con un team segreto?

Secondo un nuovo rapporto pubblicato dal Financial Times, già negli anni 2000 Steve Jobs aveva pensato ad un headset in VR, ma il progetto è stato successivamente abbandonato.

Apple sembra sempre più interessante al mondo della realtà virtuale, visto che ha da poco concluso l'acquisizione della Flyby Media, azienda che ha sviluppato una tecnologia che consente agli smartphone di "vedere" il mondo che li circonda.

Apple avrebbe formato un team segreto per competere con Oculus Rift di Facebook, Samsung Gear VR, HTC Vive, Sony Playstation VR (ex Project Morpheus), Cardboard di Google (il motore di ricerca ha appena creato divisione per la VR) e Microsoft Hololens (questi ultimi sono però dedicati alla Realtà Aumentata, per essere precisi). Il colosso di Cupertino starebbe lavorando anche sulla realtà aumentata e per riuscire nel suo intento avrebbe anche assunto ex-dirigenti e tecnici di Microsoft e Lytro oltre ad alcuni accademici come Doug Bowman che ha lavorato al Center for Human-Computer Interaction al Virginia Tech. Allo stesso modo, non è una sorpresa che anche Apple, attraverso acquisizioni di società del settore ed assunzioni di alto livello, stia lavorando per preparare il proprio ingresso in questo settore. Apple ha anche acquisito Flyby Media che permetterebbe di scansionare oggetti reali e inserirli all'interno di un contesto digitale.

Un ulteriore indizio sul fatto che Apple stia con ogni probabilità puntando sulla realtà virtuale è dato dal fatto che il CEO Tim Cook, durante la comunicazione dei risultati trimestrali di qualche giorno fa, si è detto interessato a tale tecnologia, dotata a detta del dirigente di interessanti applicazioni.

Secondo dei rapporti provenienti da varie fonti, l'azienda di Cupertino è in procinto di rilasciare sul mercato i primi Apple VR: visori virtuali dell'azienda dalla mela morsicata già in mente da un brevetto del 2013.

Correlati:

Commenti


Altre notizie