Fecondazione: Gb, via libera a scienziati per modificare Dna embrione umano

Gb via libera a manipolazione genetica su embrioni umani

In Gran Bretagna gli scienziati avranno il permesso di modificare geneticamente gli embrioni umani, Prima però dovranno ottenere la "approvazione etica", tuttavia. Lo scopo è quello di comprendere gli aspetti ancora oscuri su alcune anomalie genetiche nei feti: in particolare i ricercatori analizzeranno alcuni embrioni sette giorni dalla fecondazione allo scopo di identificare le origini degli aborti spontanei: va sottolineato come gli esperimenti si condurranno su embrioni non destinati alla riproduzione, che non potranno dunque essere impiantati in una donna. A dare il via alla sperimentazione, che dovrebbe avvenire nel giro di qualche mese, sarà la dott.ssa Kathy Niakan del Francis Crick Institute, che aveva inoltrato domanda già qualche tempo fa. Per la prima volta nel Regno Unito un gruppo di scienziati del Francis Crick Institute di Londra e' stato autorizzato a gestire embrioni umani per fini di ricerca.

L'esperimento dovrebbe coinvolgere inizialmente 20-30 embrioni. Per capire cosa determina queste differenze i ricercatori useranno la tecnica 'Crispr', che permette di fare un 'taglia e incolla' del Dna, per 'spegnere' un gene alla volta e capire quali sono quelli fondamentali per lo sviluppo. Tanto da far immaginare per un avvenire non più lontano la prospettiva inquietante di bambini ogm, 'resistenti' a certe malformazioni e tuttavia concepiti di fatto 'su misura' in laboratorio. Il primo risale all'autunno 2007 (ma trapelò sui media solo nella primavera del 2008) quando negli Usa, alla Cornell University di New York, l'equipe guidata da Zev Rosenwaks realizzò alla chetichella, con finanziamenti privati e senza dover rispondere alla legge federale americana, un esperimento pionieristico su "un embrione inutilizzabile per tecniche di fecondazione assistita", con l'obiettivo dichiarato di impiegarlo nello studio sulle cellule staminali, e subito dopo lo distrusse. L'Inghilterra sarà così il secondo paese al mondo ad intraprendere una tale procedura di ricerca sugli embrioni umani dopo che la Cina lo scorso anno annunciò simili esperimenti provocando subito una reazione in tutto il mondo. Almeno non per ora.

Questa tecnologia consente agli scienziati di individuare e modificare o sostituire difetti genetici e molti esperti l'hanno definita una svolta epocale.

Correlati:

Commenti


Altre notizie