Google. Il Fisco: "Paghi 300 milioni di euro"

Google Italia

La Procura di Milano e la Guardia di Finanza si apprestano a presentare il conto al colosso statunitense Google.

Operazione in corso su Google. "Non abbiamo incontrato la società e non ho idea di cosa succederà".

"Non c'è stato alcun accordo. Apple ha aderito a un verbale", ha detto la Orlandi.

In sostanza, il calcolo porta a 227 milioni di imposta evasa partendo da 100 milioni di euro ricavati in Italia in questo arco di tempo che non sarebbero stati pagati e sui quali Google non avrebbe versato l'Ires che ammonta al 27 per cento del totale. In Procura a Milano, poi, sono aperte altre analoghe inchieste su colossi dell'informatica come Amazon e Western Digital. Il patron di Apple Tim Cook aveva definito "stupidaggini politiche" le accuse secondo cui il gruppo da lui guidato evade le tasse negli Stati Uniti, chiamando in causa una legislazione fiscale ormai superata nell'era di Internet. Alla somma dei circa 230 milioni di euro contestati dalla Guardia di Finanza, se confermati dall'Agenzia delle Entrate, andrebbero quindi aggiunti sanzioni e interessi, che potrebbero far salire ancora questa cifra anche in maniera consistente. La procedura di ruling ha l'obiettivo di "armonizzare la posizione di società che operano in più Stati".

Il 2015 è stato un anno record per il recupero dell'evasione fiscale, pari a quasi 15 miliardi di euro.

Come spiega Repubblica non si sono al momento indagati e d'ora in poi partirà un contenzioso penale ed uno amministrativo, con l'agenzia delle Entrate. Il recupero dell'evasione "in termini di cassa contribuisce in maniera importante ai conti dello Stato - ha concluso il direttore dell'Agenzia delle Entrate - ma è solo una parte della nostra attività".

Correlati:

Commenti


Altre notizie