Vincenzo De Luca indagato per lavori in una piazza

Il governatore De Luca di nuovo indagato. L’accusa è di falso in atto pubblico

De Luca, intervenendo alla trasmissione Radio Goal di Radio Kiss Kiss Napoli, ha spiegato che la giunta comunale di Salerno da lui presieduta approvò "una variante per far fronte ad un imprevisto geologico" e si limitò a prendere atto dei rilievi tecnici che furono evidenziati. La realizzazione di piazza Libertà rientra nella riqualificazione dell'area della zona di Santa Teresa dove è prevista oltre alla realizzazione di una vasta area anche quella di un edificio. Per realizzare la nuova piazza è stato anche abbattuto un edificio che ospitava un albergo. I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria stanno ora procedendo con la notifica dei provvedimenti agli indagati che dovranno rispondere, a vario titolo, di turbativa d'asta e peculato.

Ventisei gli indagati. Tra questi anche quattro consiglieri regionali tutti eletti nella lista di De Luca. Per l'accusa De Luca avrebbe approvato con altre persone una variante da 8 milioni di euro per il progetto a causa della presenza di acqua nel sottosuolo.

Per quanto riguarda, invece, l'altro procedimento pendente su Vincenzo De Luca, imputato come ex sindaco di Salerno per abuso d'ufficio nell'ambito della realizzazione di un termovalorizzatore nel 2008, il legale difensivo Paolo Carbone ha chiesto l'assoluzione del suo assistito "perché il fatto non sussiste".

Correlati:

Commenti


Altre notizie