Zika virus: un pericolo per le donne in gravidanza

Virus Zika arriva in Europa 4 casi di contagio in Italia

La valutazione del rischio evidenzia anche che i medici e i Centri di Medicina Preventiva e Tropicale devono essere consapevoli dell'evoluzione delle zone colpite dal virus ZIKV in Brasile e la regione del Pacifico e dovrebbero includere l'infezione ZIKV nella loro diagnosi differenziale per i viaggiatori provenienti da quelle zone. La zanzara della specie Aedes aegypti è considerata il principale responsabile della sua diffusione. Il ministero ha sconsigliato alle donne di fare bambini "in considerazione della fase nella quale si trova l'epidemia e dei rischi esistenti". Ma in molti casi la malattia è asintomatica. Lo Zika si sta espandendo a macchia d'olio e le autorità sanitarie stimano che possa colpire fino a 650mila persone, a fronte dei 13mila casi già identificati.

C'è grande preoccupazione in Colombia per il virus Zika tanto che il Governo ha chiesto alle coppie del Paese di evitare di concepire bambini almeno per i prossimi sei mesi. Il Ministero della salute sta studiando altri casi sospetti e ha rafforzato le misure di sorveglianza, prevenzione e controllo del paese.

Il primo caso di Zika su una donna incinta è stato riportato anche in Bolivia. Dopo che, tre mesi fa, si sono cominciate a diffondere le prime notizie sul possibile legame tra il virus e la rara anomalia congenita si sono verificati fenomeni anche curiosi: i prezzi dei prodotto antizanzara sono lievitati in Brasile e nel cimitero di Lima è stata organizzata un'ernome fumigazione.

Alla fine della scorsa settimana, i Cdc amercani hanno lanciato un alert invitando le donne in attesa di un figlio a rimandare i viaggi in Brasile, Colombia, El Salvador, Guiana francese, Guatemala, Haiti, Honduras, Martinica, Messico, Panama, Paraguay, Suriname, Venezuela e Portorico. Intanto l'allarme si estende. Venerdi' le autorita' sanitarie americane hanno esteso un allerta perche' le donne incinte evitino di viaggiare in 22 posti dell'America Latina e dei Caraibi, a causa del virus.

Correlati:

Commenti